Ciao Enzo ...

Storie e racconti davanti al camino.

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda marchino » 6 febbraio 2012, 13:46

non ti ho mai conosciuto, ma dalle parole di chi ti era amico si capisce che eri una bella persona con la Passione vera per le nostre montagne.
RIP
Avatar utente
marchino
 
Messaggi: 730
Iscritto il: 7 settembre 2011, 14:29

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda cllocate » 6 febbraio 2012, 14:45

Il funerale si terrà ad Olmo al Brembo domani, martedì 7 febbraio, alle ore 15.
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda Beso » 6 febbraio 2012, 17:14

In queste circostanze le parole sono sempre difficili da trovare...

Sono amico di Enzo da qualche anno, e lo ringrazio per aver contribuito al mio "ammalarmi" di scialpinismo!!

Non sono mai uscito in mtb con voi, un po' per la paura di essere troppo scarso e un po' per le difficoltà nell'organizzarmi, ma di sicuro ci sarò per la ripetizione estiva del Ronzoni Trail.. lo farò per Enzo e lo farò per me

E sono sicuro che Enzo mi direbbe che è la cosa giusta

Ciao Enzo, buon viaggio..

Andrea
Avatar utente
Beso
 
Messaggi: 349
Iscritto il: 4 maggio 2010, 16:23
Località: Berghem

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda daniele10 » 10 febbraio 2012, 10:47

Ho ricevuto la notizia in una bella mattina d'inverno, sono sulle nevi di Piazzatorre e dopo tanto tempo sta iniziando una grande giornata di snowboard con due amici conosciuti anni fa sulle stesse nevi, l'atmosfera è bella e spensierata, io bepi e matteo siamo alla 2a o 3a risalita in seggiovia e già le prime discese in neve fresca ci hanno gasato.

Arriva un sms, non ci bado il cell bippa in tasca e io lo lascio li per vari minuti, poi lo leggo e... faccio fatica a realizzare: Enzo ci ha lasciati!? Come Enzo ci ha lasciati??? Enzo non può lasciarci, non è una eventualità che ho mai considerato, Enzo c'è, per me Enzo è una "cosa" sicura, ferma, certa, è come il monte sopra casa mia, il "mio" campanile che vedo quando arrivo su in valle, è una delle certezze a cui sono abituato da qualche anno.

Ma lo so che è vero, il messaggio è inequivocabile, la fonte è più che attendibile (il "mio" istruttore di snowboard alpinismo della Scuola Orobica Roby Rovelli), lo richiamo subito quasi a voler lasciare ancora aperta una impossibile speranza, mi conferma il tutto e da quel momento in poi per qualche giorno nella mia testa è un susseguirsi di pensieri, emozioni, ricordi.

Sono 1000 le cose che vorrei dire e che ho da ricordare, solo ora inizio a scrivere qualcosa, è passato un po' di tempo ma non riesco a riordinare le idee, ho deciso di scrivere qui qualcosa dei miei ricordi e di riportare qualche foto. Ho deciso che non metterò tutto a posto subito, credo di integrare questo "articolo" nel tempo e di riordinarlo strada facendo.


inizio con questa fotografia, presa un po' a caso e un po' anche no ;-)
qui siamo al Col du Midi, Chamonix Mont Blanc durante il corso A1 2011
Immagine



Ho sempre considerato un onore ed un privilegio essere parte della Scuola Orobica.

Ho conosciuto Enzo alla Scuola Orobica. è il giorno di "presentazione" di un corso base di Sci e Snowboard Alpinismo di qualche anno fa, dopo dei contatti via mail decido di presentarmi e di vedere che aria tira per valutare un eventuale iscrizione.
Il mio modo di vivere lo snowboard negli ultimi anni è cambiato ed io sento che è giunta l'ora di evolvermi e di colmare le mie lacune di sicurezza.
Entro alla scuola ed imbocco la porta a destra mentre con lo sguardo vedo che a sinistra c'è un aula con una "lezione" già iniziata. Enzo è seduto alla scrivania, tra carte e moduli vari, nella sala ci sono poche persone, subito mi chiede chi sono e dopo aver detto il mio nome immediatamente mi dice una frase del tipo: "tu non hai ancora pagato, tira fuori i soldi dell'iscrizione" spiego che volevo assistere a quello che credevo fosse una presentazione del corso prima di iscrivermi, a questo punto mentre Enzo sta per ribadire il concetto se non ricordo male interviene Alex che dice "fagli assistere alla lezione poi deciderà se iscriversi", perfetto! Entro in aula seguo la lezione, mi iscrivo ed inizia la mia bellissima esperienza con la Scuola Orobica.

Quando ci ripenso mi viene ancora da sorridere, mi è sempre piaciuto il suo modo di fare chiaro, schietto e sincero quanto basta.



P1020658.JPG



L'ultima volta che ho visto Enzo me la ricordo bene, eravamo alla Scuola Orobica, giovedì sera, c'è una delle prime lezioni di un corso base dove abbiamo una bella affluenza di allievi sopratutto di snowboard.
Il nostro staff è appena nato, siamo solo al secondo corso ufficiale di Snowboard Alpinismo, io e Nicola abbiamo fatto il primo da allievi con Roby Rovelli ed ora con molto entusiasmo ci apprestiamo a fare gli istruttori per il secondo.
Il mio amico Davide si è iscritto subito, il corso non era ancora stato presentato ufficialmente, credo sia stato settembre ero in giro nei boschi dietro casa e mi arriva un sms, lo giro ad Enzo dicendo che avevamo il primo allievo di snowboard per quest'anno, lui mi risponde immediatamente una cosa tipo "molto bene".
Davide ha poi coinvolto altri 3 amici, Nicola ha portato Loris che è venuto con un suo amico, siamo in 6 allievi e 3 istruttori. Abbiamo appena fatto la prima uscita e subito si è capito che sarà un "ottima annata", il clima che si respira nel corso è quello che a me piace tanto, è proprio il clima che mi fa amare la Scuola Orobica: si fanno le cose bene e seriamente ma ci si diverte e ci vuole poco ad entrare subito in confidenza.
Al corso di Scialpinismo come di consueto, Enzo voleva così, partecipano anche istruttori di altre discipline ed alcuni con gli sci non sono proprio a loro agio.
Scendendo dal Forcella Rossa io e Roby abbiamo girato qualche video delle cadute.
Nei giorni successivi ho montato velocemente un filmatino simpatico e prima che inizi la lezione lo trasmetto in aula. C'è gente che sta prendendo posto, istruttori che entrano ed escono ma subito scattano delle grandi risate. Nel video si vede uno sciatore che cade goffamente debitamente nascosto da un grosso bollino rosso per non farlo identificare. Tutti ridono e credo che il filmato sia stato fatto girare più di una volta.
Ho un flash nella memoria di Enzo che mi chiede cosa sta succedendo ed io scherzando gli dico: "vieni a vedere i tuoi istruttori come sciano male", lui guarda sorride: "no, dai non è un istruttore", "si si è uno dei tuoi".
Si va avanti e indietro e mentre sta uscendo dall'aula per tornare in ufficio lo vedo che ride palesemente sotto i baffi dicendo "... chestò che l'è dre a ruinam tut l'ambient.." (scusate per il bergamasco scritto che non conosco).
Il "chesto che" sono io, ma non è un rinprovero.
Dopo la lezione propongo ad Enzo e Delia di andare a bere una birra e ci ritroviamo dal Boba con Nicola e Roby a parlare della scuola ridendo e scherzando davanti a una birra.
Le birre le ha pagate Enzo ed io sono ancora in debito... non solo per il bar.





IN COSTRUZIONE
Avatar utente
daniele10
 
Messaggi: 1878
Iscritto il: 18 novembre 2009, 13:07

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda daniele10 » 13 febbraio 2012, 9:42

durante il corso di alpinismo base 2011, prima uscita in parete


20110508_1105 IMG_0820.JPG



20110508_1121 IMG_0824.JPG



20110508_1121 IMG_0825.JPG



20110508_1409 IMG_0854.JPG



20110508_1409 IMG_0855.JPG



20110508_1409 IMG_0857.JPG



20110508_1410 IMG_0868.JPG



20110508_1445 IMG_0877.JPG
Avatar utente
daniele10
 
Messaggi: 1878
Iscritto il: 18 novembre 2009, 13:07

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda daniele10 » 15 febbraio 2012, 11:22

alla fine del corso di alpinismo base A1 2011, ho montato un piccolo video scherzoso con i momenti più simpatici, c'è anche l'Enzo, principalmente come voce fuori campo. Sono piccolissimi "flash" dove incoraggia, spiega, scherza e alla fine si complimenta con tutti gli allievi

http://youtu.be/0O5ZhOjumGs#t=00m27s
http://youtu.be/0O5ZhOjumGs#t=00m33s
http://youtu.be/0O5ZhOjumGs#t=02m22s
http://youtu.be/0O5ZhOjumGs#t=06m53s
http://youtu.be/0O5ZhOjumGs#t=09m55s
http://youtu.be/0O5ZhOjumGs#t=14m37s


qui tutto il video






continua...
Avatar utente
daniele10
 
Messaggi: 1878
Iscritto il: 18 novembre 2009, 13:07

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda daniele10 » 16 febbraio 2012, 13:49

corso base a1 Direttissima zucco (san pellegrino)


20110515_1532 IMG_1040.JPG




20110515_1532 IMG_1041.JPG




20110515_1533 IMG_1045.JPG
Avatar utente
daniele10
 
Messaggi: 1878
Iscritto il: 18 novembre 2009, 13:07

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda cllocate » 16 febbraio 2012, 23:30

Spezzone di conversazione con Enzo all’Albergo della salute ai primi di dicembre
….
E: “tira nsema argot per l’annuario”
C: “proe a met so argòt se me e l’ispirasiù”
E: “fasela egn”
C: “va be”
E: “a chel vole per la fì de desember”

Il 29 di dicembre gli ho spedito questo scritto rispettando il suo desiderio.




Monte Bianco
14 Luglio 1977

Schizzo tratto dalla Guida del CAI  Monte Bianco (1963) (Chabod-Grivel-Saglio- Buscaini).jpg
Schizzo della salita italiana al Monte Bianco, tratto dalla Guida del CAI Monte Bianco (1963) (Chabod-Grivel-Saglio- Buscaini)



Quello che conta è sognare. E quella volta il sogno mi era venuto sfogliando la rivista mensile del Club Alpino Italiano. Non ricordo esattamente dove mi trovassi in quel momento ma ero certo che quelle due pagine quattro facciate con foto che descrivevano la normale italiana al Monte Bianco erano entrate dentro di me, le strappai dalla rivista e le misi nel cassetto delle cose importanti. In quel cassetto dove si conservano gli oggetti materiali o in quel cassetto della nostre mente dove si cullano i sogni .

Non so esattamente perché fui folgorato da quella via di salita al Monte Bianco ma la sensazione di grande avventura che ne ricavavo sembrava la logica conseguenza delle tante giornate trascorse sulle Orobie di casa.

Bisogna necessariamente aggiungere che il boom economico italiano era già esploso da tempo ma non per tutti . Il pile e i gore-tex erano di là da venire per non parlare dei cellulari, di google e gps.

La Valle d’Aosta era nota per essere una regione a statuto autonomo e la regione dove era situato il Monte Bianco la cima più alta d’Europa.
Questo appreso dai libri di scuola, in realtà poi nessuno aveva capito in cosa si traducesse questo essere autonomi ma in molti appassionati di montagna avevamo ben chiaro dove era situata la cima più alta delle Alpi.

La geografia godeva ancora di una sua dignità ed era ancora una materia degna di essere insegnata, il ghiacciaio del Miage rientrava tra le mie antiche rimembranze scolastiche. Erano anni di un certo fervore giovanile e di grande innovazioni. Io mi dibattevo tra i Decreti Delegati il mattino , un officina meccanica il pomeriggio e un sano alpinismo nel tempo libero . L’importante era esserci che poi si trattasse di una manifestazione studentesca o di una montagna poco contava ma il desiderio di partecipare era sempre presente.

16 640.jpg
La confluenza del ghiacciaio del Dome in quello del Miage.


L’apparire di cui si nutre il presente non era del tutto assente ma sicuramente era un dilettante al confronto della realtà attuale . E anche l’alpinismo non ne era immune , ognuno viveva arroccato sui propri successi e guardava con supponenza tutto quello che si affacciava al mondo.


Sbatto la portiera della mia 126 Fiat e ci chiudo dentro tutte le mie incertezze giro la chiave con una certa lentezza, controllo che i miei fogli guida siano in tasca e mi avvio verso il lago del Combal risalgo il ripido sentiero che mi porta sul ghiacciaio del Miage.
Faccio fatica a mettere in ordine tutto quello che mi passa per la testa, essere qui è già un successo. Il ghiacciaio del Miage sembra infinito l’Aiguilles de Trelatête e l’Aiguilles Grises fanno da cornice molte altre cime mi sono del tutto sconosciute. So per quello che ho letto che questo ghiacciaio lo devo percorrere in tutta la sua lunghezza, i rumori che provengono dalle pareti circostanti mi provocano una certa apprensione solo in parte sopita dal fatto che nessuna frana può raggiungere il percorso che si snoda al centro del ghiacciaio molto distante dai pendii.

Il tratto di percorso sul ghiacciaio è lungo forse più di cinque chilometri, si cammina su morena detritica che ricopre in ogni dove il ghiaccio. Il ghiaccio quando si manifesta lo fa con fenditure dall’aspetto non propri tranquillizzante. Essere qui solo mette una certa tensione ma è una scelta e questo la rende tollerabile. I contrasti che vivo intensamente mentre avanzo mi fanno un po’ barcollare le certezze, a casa non sanno neanche dove sono ma non posso legare la mia sete agli affetti. Per rimettere in equilibrio i pensieri che mi tormentano mi riprometto di riportare a casa la pelle integra per non seminare dolore, come se dipendesse solo da me. Pensarlo mi fa stare meglio.
Sono inebriato dagli elementi naturali che mi circondano trovarmi a così diretto contatto mi provoca una spinta emotiva unica.

Sono a metà ghiacciaio ho letto che in alto dovrei vedere il puntino giallo del rifugio Gonnella, il ghiacciao del Dome alla mia destra confluisce nel Miage . Non avevo mai visto seraccate di queste dimensioni . Qualche blocco di ghiaccio cade fragorosamente dai molti ghiacciai pensili sospinti a valle dalla gravità.

Rifugio Gonnella 640.jpg
Il rifugio Gonnella, il primo rifugio è stato costruito nel 1891 per facilitare l'ascesa al monte Bianco dal versante italiano. Si trattava di una semplice capanna in legno che si vede ancora a sinistra nella foto,
Il primo rifugio è stato ampliato nel 1925 ed ora è adibito a locale invernale.
Nel 1962 fu costruito un più ampio rifugio in muratura a fianco del precedente.
Nel 2011 è stato inaugurato il nuovo rifugio dal design avveneristico.


Il rifugio non lo vedo semplicemente perché lo cerco molto più in basso di dove è situato . Quando alzo gli occhi e vedo il puntino giallo appeso sul costone roccioso che argina il ghiacciaio del Dome sono percorso da un brivido di sconforto. Il sole è già da un pezzo che non entra più nella valle.



Oltrepasso di un bel pezzo la confluenza tra il Dome e il Miage e cerco come da descrizione l’uscita dal ghiacciaio posta sulla mia destra nei pressi di un magro pascolo definito “La Chaux de Pesse” un francesismo dialettale che indica i pascoli alti probabilmente le ultime tracce di erba per i camosci.
Anni dopo in quella zona per una ripetizione con amici saremo vittima di una scarica di sassi che solo per fortuna e per la perizia del pilota dell’elicottero del soccorso alpino non si risolse in tragedia.

Abbandonato il ghiacciaio il sentiero sale prima in modo tranquillo ma poi in modo deciso sino a costringere ad alcuni passaggi di facile arrampicata. Mentre faccio una breve pausa vengo raggiunto da uno dei rifugisti sceso a valle a fare provviste, e mi conforta sulla vicinanza del rifugio, se ne va con passo molto spedito. Questo incontro mi da una buona dose di tranquillità e in breve raggiungo il rifugio Gonnella che si manifesta quando ormai si è a pochissimi metri.

Il tempo di ambientarsi e la cena è in tavola, sono solo questa sera al rifugio.
Dopo cena una lunga chiacchierata con il rifugista dissolve gran parte dei miei dubbi. Scopro che alcuni ponti sul ghiacciaio hanno ceduto e quindi non va seguita la traccia più evidente ma una linea poco tracciata che passa più in basso e aggira due grossi crepacci.
Come da previsione il giorno successivo lo passo nei pressi del rifugio e in avanscoperta verso la cresta di Bionnassay per studiare un po’ il percorso di salità, scoprirò solo il giorno successivo di aver gettato l’unica chance di un giornata spettacolare per raggiungere la vetta.

Dopo aver memorizzato e percorso in parte la via di salita attraverso il ghiacciaio torno al rifugio. Giunge al rifugio un gruppetto di spagnoli che saliranno anche loro l’indomani. Un po’ di sole pomeridiano, la cena è servita molto presto e alle 20.00 c’è il coprifuoco in rifugio.
La sveglia è prevista per mezzanotte e mezza, i pensieri mi tengono compagnia chiudo occhio forse un paio d’ore e sento il richiamo del rifugista come una liberazione.

All’una esatta sono fuori dal rifugio con i ramponi calzati , il rifugista mi butta li un in “bocca al lupo”. Gli spagnoli sono molto lenti e io mi avvio sul ghiacciaio con la luce della mia torcia. Il buio è totale e stelle non se ne vedono proprio. Il buio forse è anche un ottimo alleato nell’attraversamento di alcuni ponti e nella risalita di alcuni crepacci perché impedisce di percepire esattamente cosa mi aspetti in caso di errore.

Cresta di Bionnassay 640.jpg
Cresta di Bionnassay


Quando sono quasi al termine del ripido pendio che porta sulla sulla affilata cresta di Bionnassay la torcia mi abbandona e non senza imprecazioni uso l’ultimo respiro della torcia per ricavare uno spazio per una sosta improvvisata su un pendio a 45° , un cordino passato in vita e legato alla picozza conficcata nella neve mi dà tranquillità . Ho un paio di opzioni a disposizione e nessuna allettante. Attendere gli spagnoli con le loro torce che però sono molto in basso e li vedo come dei puntini lontani o attendere le prime luci dell’alba. In meno di un’ora gli spagnoli arrivano sul ripido pendio e la luce dell’alba è sufficiente per ripartire.
Ma è un alba malata di nuvole e nebbie, mi avvio lungo l’affilata cresta incorniciata di neve verso nord. Una scivolata qui mi porterebbe direttamente in Francia circa 1600 m. più in basso. Il Dome de Gouter dovrebbe essere alla mia sinistra ma non lo vedo.

Ormai sono immerso nella nebbia la traccia è evidente ma poi il vento deve averla cancellata, non riesco a intravedere la via da seguire mi fermo aspetto gli spagnoli che mi hanno seguito sino qui. Realizzo che una decisione debba essere presa in fretta anche perché comincia a manifestarsi il rischio che la nebbia chiuda anche la via di ritorno rendendo i passaggi aerei ancora più insidiosi.

Provo per la prima volta su di me il peso della rinuncia, sulle montagne di casa è tutto più facile puoi tornarci quando vuoi ma questo è il mio Himalaya. Tanto agognato e desiderato con la parte più difficile alle spalle ormai sarebbe solo una lunga e faticosa camminata verso la cima del Monte Bianco.

Sono sereno quando decido di rinunciare, le condizioni sono tali che non mi permettono di continuare in sicurezza. Il mio non è uno scontro o un confronto con la natura non c’è competizione tra di noi siamo alleati sia con il sole che con la nebbia. La mia sete è comunque appagata.

Se fossi stato respinto dalla difficoltà tecnica avrei avuto lo stimolo a migliorarmi per poter andare oltre per superare l’ostacolo. Mentre scendo penso ad una scusa valida per giustificare la mia assenza da casa in questi giorni. Questa volta è andata così ma non mi sono scoraggiato, per calpestare la neve della vetta dovrò tornarci altre due volte.

cl

Vetta Monte Bianco 640.jpg
Vetta Monte Bianco

10 640.jpg
Foto in vetta al Monte Bianco
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda davide 67 » 17 febbraio 2012, 0:55

Quasi per caso ho partecipato al giro in mtb che a dicembre ha inaugurato il "RONZONI TRAIL" con Cl & Company.
Quasi per caso mi sono ritrovato a mangiare a "Casa Tua" dei favolosi casoncelli in ottima compagnia. Non ti conoscevo.
Tu invece ti unisti a noi per il caffè non per caso.. ma per il piacere di stare in compagnia e la tua generosità d'animo l'ho avvertita subito; a Persone Così bastano 5 minuti per farsi apprezzare. E' raro.
Continua a insegnare i tuoi valori anche là, se puoi.
Ciao Enzo.
Avatar utente
davide 67
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 18 dicembre 2011, 0:25

Re: Ciao Enzo ...

Messaggioda daniele10 » 22 febbraio 2012, 18:19

corso a1 ca bianca


20110522_1122 IMG_1342.JPG
Avatar utente
daniele10
 
Messaggi: 1878
Iscritto il: 18 novembre 2009, 13:07

PrecedenteProssimo

Torna a Caffé letterario del MoonRider

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron