Rif. Cazzaniga (1200 disl. 26 km) MC/BC

I migliori percorsi mtb nel Parco delle Orobie.

Rif. Cazzaniga (1200 disl. 26 km) MC/BC

Messaggioda cllocate » 1 novembre 2011, 17:10

Sottochiesa (758 m.) - Rifugio Cazzaniga (1889 m.)

Dislivello: 1200 m.
Lunghezza: 26 km.
Difficoltà: MC/BC ?

Partenza: Sottochiesa
Quota massima: 1899 m.
Ciclabilità: 100% - 97%
Durata: 6,00 h
Fondo: salita asfalto- sterrato- sentiero / discesa single track - breve tratto di asfalto
Periodo: Maggio - Ottobre
Cartografia: Kompass 1:50.000 n°105 Lecco – Valle Brembana
Percorso: Sottochiesa (m. 758) - Pizzino (m. 930) - Bivio per Fraggio (m. 1030) - Bonetto (m. 1126) - Piani di Artavaggio - Rifugio Cazzaniga (m. 1889) - Rifugio Gherardi (m. 1600) - Capo Foppa (m. 1280) – Fraggio (m. 992) - Sottochiesa (m. 758).
Richieste info: qui

Sottochiesa - Cazzaniga - Gherardi 2011.gpx
(351.36 KiB) Scaricato 153 volte


Note itinerario all mountain per eccellenza, salita facile ed interamente pedalabile. Discesa con alcuni brevi ostacoli che i meno avvezzi faranno scendendo di sella ma per il resto molto divertente.
Come si vede anche dalle foto itinerario interessante anche per chi volesse provare a mettere le ruote sulla neve, ovviamente alle prime nevicate o a tarda stagione verso maggio giugno.


Cazzaniga.jpg


cazz alt.jpg


Descrizione


Arrivati nell’ abitato di Sottochiesa (m.758) nei pressi di una pensilina di sosta bus troverete un ampio piazzale dove parcheggiare l’auto, è possibile fare anche provviste per il vostro giro.
Seguire le indicazioni stradali per Pizzino o salire in centro al paese poco più avanti le strade si congiungono e in breve si raggiunge l'abitato di Pizzino (m. 930)

Non entrare in paese ma ad un bivio prendere a destra , presenti indicazione per rifugio Gherardi, ripida salita sempre su asfalto sino al bivio per Fraggio. Proseguire 100 m. oltre il bivio e prendere a sinistra seguendo le indicazioni per Bonetto ( m. 1126) qui la strada diventa sterrata .
Giunti nei pressi della frazione salire sempre su sterrato sino ad una sbarra, da qui in avanti la strada è obbligata sino ai Piani di Artavaggio e si giunge proprio nei pressi dell'Albergo Sciatori
Si pedala su fondo ghiaioso che a volte rende faticoso rimanere in sella in lontananza si vede la piramide del rifugio Nicola. L’itinerario se percorso a inizio giugno (vivamente consigliato) vi riserverà coloratissime fioriture di genziane e di molte altre specie di fiori, non insolito l’incontro con le marmotte. Oltrepassato il Rifugio Nicola con le ultime forze in pochi minuti si raggiunge il Rifugio Cazzaniga (m. 1889) dove potrete assaggiare le prelibatezze gastronomiche offerte dai gestori sempre molto cordiali con i biker.
La cosa più difficile soprattutto se vi siete abbandonati alla buona tavola è quella di risalire in sella , ma non fate l’errore di rilassarvi perché da qui in avanti viene la parte più tecnica e divertente dell’itinerario.

Usciti dal rifugio prendete la direzione verso il Monte Sodadura (m. 2010), il sentiero corre sul versante nord. Dopo alcuni tratti di brevi salite seguiti da divertenti discese vi troverete al Passo di Sodatura (m. 1867), oltrepassato un abbeveratoio, con tratti di sentiero abbastanza esposti arriverete nei pressi del Rifugio Regina (privato) un piccolo chalet in legno. Da questo punto il sentiero punta con decisione verso il basso con passaggi che definirei trialistici fino ad attraversare alcuni ghiaioni che vi porteranno nei pressi dell’ex Rifugio Cesare Battisti e con breve tratto in piano al Rifugio Gherardi (altro punto di sosta molto interessante nell’eventualità che giungiate al Rifugio Cazzaniga in largo anticipo sul mezzogiorno).

Da qui parte il sentiero che scende verso Capo Foppa segnavia bianchi e rossi , non fatevi assolutamente ingannare dalle tracce di una gippabile che non risulterebbe di nessun interesse per i biker. Gustatevi il tratto in discesa fino a giungere a Capo Foppa da qui una lunghissima diagonale prima parte su asfalto poi un breve tratto di sterrato e di nuovo asfalto fino a un tornante sinistro, fate attenzione alla deviazione nei pressi del tornante sinistro che parte verso destra con indicazione Fraggio dove siete comunque già transitati in salita .

In pochi minuti giungerete al minuscolo nucleo di Fraggio da cui si stacca una mulattiera che scende, incrociando la Chiesa della Madonna di Salzana (m. 863) (fontana) e da qui tenendo la destra ad un bivio giungerete su strada asfaltata, una volta raggiunta la strada risalite per 50 metri e sul lato opposto riprende la mulattiera che vi porterà a Sottochiesa infilate la seconda scaletta a dx e vi ritroverete nei pressi del parcheggio da dove siete partiti.
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

Re: Rif. Cazzaniga (1200 disl. 26.00 km) MC/BC

Messaggioda cllocate » 2 novembre 2011, 0:53

10.jpg
Dopo il bivio di Fraggio prendere a sinistra in direzione Bonetto.


20.jpg
L'ampia strada sterrata che sale verso i Piani di Artavaggio .


21.JPG
In inverno puè essere divertente percorrere questo tratto quando il passaggio di qualche fuoristrada abbia compattato il fondo


22.JPG
Altro scorcio di strada innevata, è ovvio che la neve morbida non è amica dei bikers.


30.jpg
A maggio giugno capiterà di non poter percorrere per intero questo itinerario ma i Piani di Artavaggio con l'ultima neve di stagione valgono sempre un giro in zona .


31.JPG
Dai Piani di Artavaggio in avanti spesso sarà il fondo ghiaioso più che la pendenza a mettervi in difficoltà


40.JPG
Si comincia a prendere quota lasciando alle spalle in lontananza l'Albergo Sciatori


50.JPG
Rifugio Cazzaniga, consigliato meta frequente delle nostre uscite, Gigi e Elena sanno prendere per la gola i bikers che si spingono sino qui, meta degna di interesse sia per facili uscite che per tour decisamente più impegnativi.


60.jpg
Su questo itinerario non è insolito trovarsi avvolti dalle nebbie.


70.jpg
Tratto nei pressi del passo di Sodadura


72.JPG
Alcuni brevi tratti esposti possono essere percorsi a piedi per maggior sicurezza.
Anche questi tratti sono stati resi piani da incompresnsibili interventi di riqualificazione del sentiero (02-06-2012)


75.jpg
La tettoia della baita Regina più volte ha offerto riparo dai temporali estivi.


80.JPG
Porre attenzione nell'attraversamento di un paio di canaloni ghiaiosi.
Queste difficoltà non esistono più ( agg. 02-06-2012) incomprensibili lavori di spianatura sono stati effettuati.


81.jpg
Pozza abbeveratoio del bestiame posta poco prima del Rifugio Gherardi


100.JPG
Foto di gruppo nei pressi della chiesetta di Fraggio.


90.JPG
Fraggio
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

Re: Rif. Cazzaniga (1200 disl. 26 km) MC/BC

Messaggioda cllocate » 4 novembre 2011, 1:05

Un filmato un pò datato e che nella parte bassa non ricalca la descrizione di questo itinerario.
anche perchè precedentemente alla realizzazione della nuova strada che sale da Bonetto si saliva da Sottochiesa sino alla Culmine di San Pietro e poi dopo breve tratto in discesa giungendo nei pressi di una strada con sbarra si riprendeva la salita verso i Piani di Artavaggio.



Di seguito la traccia gpx dell'itinerario con salita da Sottochiesa alla Culmine di San Pietro sino a giungere ai Piani di Artavaggio dove ci si collega all'itinerario sopra descritto.

Sottochiesa - Cazzaniga 2011.gpx
(59.48 KiB) Scaricato 87 volte


2011-11-04_002403.jpg


2011-11-04_002452.jpg
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo


Torna a Itinerari MTB in alta Val Brembana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron