Poveri sentieri delle Orobie trasformati in un «luna-park»

Messaggioda morsi » 30 agosto 2012, 12:33

Da L'Eco di Bergamo On line del 30/08/2012

Che spettacolo di montagna. Forse troppo. La domanda che impazza in questi giorni – soprattutto tra escursionisti e ambientalisti – suona più o meno così: con questa bellezza di Orobie che ci ritroviamo fuori casa, che bisogno c'è di farne un grande luna park?

Elicotteri che sorvolano le nostre cime per far scoprire ciò che fiato (corto) e vie di quarto grado non consentono. Motocross e quad organizzati in frange più o meno armate (di sgommate e annessa anidride carbonica) che attraversano sentieri e mulattiere. Fuochi d'artificio e maxi fari a illuminare quell'altra meraviglia che sono le cascate del Serio, avvolte di magia (e elativo appeal turistico) anche di notte.

Con una domanda finale: opportunità oppure oltraggi?

A farsi portavoce di questo quesito è Michele Corti, un passato da assessore regionale all'Agricoltura (nel biennio 1994-95) e un presente da ruralista, come ama definirsi. Docente di Sistemi zootecnici e pastorali montani all'Università di Milano, Corti da sempre annota i suoi dubbi, in tema di sostenibilità e montagna, e da qualche tempo li affida al suo sito.

Così in molti hanno raccolto la sua riflessione sul tema «Valle Seriana sempre più montagna-luna park», aprendo un dibattito che, in queste settimane, fa da sottofondo a quello che sta tenendo banco sulla «Valli Bergamasche revival», gara di enduro prevista in Val Brembana il 15 e 16 settembre.

«Sul fronte ambientale, con assoluta disinvoltura – spiega Corti sul suo sito www.ruralpini.it – gli stessi soggetti che recitano pubblicamente i mantra della sostenibilità sono i primi che si fanno promotori di proposte turistiche che implicano pesanti impatti ambientali».
Immagine
Servizio Bike Shuttle - Risalite con furgone http://www.guidemtb-valbrembana.it
Avatar utente
morsi
 
Messaggi: 1490
Iscritto il: 25 novembre 2009, 15:08
Località: Berghem

Re: Poveri sentieri delle Orobie trasformati in un «luna-par

Messaggioda bepi » 19 luglio 2014, 15:05

Continuo qui.
Diverse moto che facevano Foppolo carona passando dal passo della croce...
(A carona divieto di passare con mezzi a motori su tutti i sentieri e strade di montagna!)

Bravi ragazzi...

Inoltre, qualcuno alleva maiali sotto la terrazza del vecchio Giretta, con sedie, vetri, reti arrugginite e rifiuti vari....

Infine i casari li vicino bruciavano legna con stivali di gomma vecchi....

Saluti dalla terra dei fuochi!!!
Bepi
Vice President "de notér milanés"
Avatar utente
bepi
 
Messaggi: 5117
Iscritto il: 18 novembre 2009, 11:01


Torna a Caffé dell'apres ski

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron