live report from BrembOrobieTrailBike 11

Itinerari e percorsi MTB in Val Brembana

Re: live report from BrembOrobieTrailBike 2011

Messaggioda cllocate » 25 luglio 2011, 0:07

BrembOrobieTrailBike 2011

Queste ore sono tutto un susseguirsi di rivisitazioni di questi giorni non so proprio da che parte cominciare a parlare di questa quattro giorni .
Vorrei sgomberare da subito alcune convinzioni che ritengo abbastanza poco assimilabili a quello che facciamo in mtb.

Più precisamente credo che gli aggettivi superlativi vadano sprecati per la bellezza delle nostre montagne, delle nostre acque intese come torrenti e laghi, dei boschi e dei pascoli che abbiamo attraversato, dei fischi delle marmotte o del pascolo dei camosci, In quello che facciamo c'è tanta passione ma nessuna impresa epica, termine del quale mi dissocio sin d'ora. Le imprese e gli epicismi lasciamoli a chi ha il coraggio di realizzarli e che nel maggior parte dei casi non sente la necessità di raccontarle su un forum.

Questo itinerario è sicuramente lungo ed impegnativo potrà però essere alla portata di tutti coloro che abbiano un buon allenamento, una buona conduzione in discesa della bike e tanta voglia di portare e spingere il loro mezzo per sentieri. Un itinerario da prendere con lentezza e concedendosi i lunghi tempi dell'osservazione e della riflessione. Lasciamo a casa le prestazioni atletiche e la fretta che nel maggior parte dei casi servirà solo a non farci godere degli spettacoli che la natura sa soffrire.
Esistono vari modi di concepire la mtb e non necessariamente antagonisti fra di loro, semplicemente questo è il mio modo di interpretarla.

C’è molto da spingere e portare la bike in questi giorni e questo va messo in preventivo onde evitare di intraprendere un itinerario che non risponda alle aspettative, trascinarsi la bike sino al Passo del Toro piuttosto che alla Selletta non è una cosa facile meglio saperlo prima.
Qualche seggiovia, ammiraglia o navetta potrà essere un valido aiuto ad evitare noiose e fastidiose pedalate sull’asfalto.

Tanti anni di scorribande in mtb sulle Orobie mi hanno permesso di coltivare alcune amicizie che si sono rivelate fondamentali per la qualità “umana” di questo itinerario sia riguardo ai compagni di viaggio sia per i punti di appoggio/alloggio.


21 luglio
Partenza da San Giovanni Bianco e ammiraglia sino al bivio per Fraggio, salita sino ai Piani di Artavaggio.
Dai piani raggiunta la Casera Campelli sui pedali ci avviamo a spinta allo start del Sentiero degli Stradini.
Attraversata con molta attenzione di questo esposto sentiero sino al rifugio Lecco , chiuso per ristrutturazione.
Pizzoccheri ai Piani di Bobbio e breve elioterapia. Partenza verso il Passo del Gandazzo da dove inizia il calvario a spinta verso il passo del Toro.
Un temporale con tuoni nella zona delle Torcole e qualche goccia di pioggia ci fanno aumentare il ritmo nell'intento di arrivare asciutti al rifugio Grassi, cosa che ci riesce perfettamente.


La prima sera l’abbiamo trascorsa al rifugio Grassi raggiunto con una certa apprensione dettata dai tuoni che giungevano da troppo vicino dopo una mattinata di sole splendente. Anna ed Amos sono i cordiali rifugisti che vivono la loro professione in compagnia dei due piccoli di 21 e 8 mesi.
Questo la dice lunga sulla dedizione con cui si porta avanti la professione di rifugista, la stessa dedizione che troviamo nella preparazione dei pasti e nell’attenzione alle materie prime impiegate.

01.jpg
Si ricompongono i pezzi prima della partenza nei pressi del bivio per Fraggio


02.jpg
dome60 nei pressi della Casera Campelli


03.jpg
Bepi, dome60, dariuz, Ivo nei pressi della Casera Campelli


04.jpg
Sentiero degli Stradini prestare attenzione vista l'esposizione del tracciato.
Sconsigliato a chi soffre di vertigini .


05.jpg
Il Resegone fa da sfondo.


06.jpg
Dal Passo del Gandazzo la salita al passo del Toro non lascia dubbi su cosa ci aspetta.


07.jpg
Da qui il Rifugio Grassi, sullo sfondo, non è più un miraggio






22 luglio


Dopo il primo giorno di totale salita oggi si riparte in discesa, discesa nellaprima parte più addomesticabile per poi diventare la sagra dei rollig stone quando si entra nel bosco. In alcuni tratti poi la mulattiera fa da greto al torrente con abbonante scorrimento di acqua, una lunga diagonale ci porta a costa Frazione di Valtorta.
Da Costa risalita su ripida cementata e poi attraverso la Val d'Inferno e la Val Salmunrano sino al Colle della Maddalena sopra Cusio dove la navetta ci carica e trasporta ai Piani dell'Avaro.
Sosta enogastronomica obbligatoria in un Ristorobie ampliato,ampliata anche la già immensa ospitalità di Miriam e Paola dove la prmessa di stare leggeri viene subito tradita a suon di pappardelle e nusecc.
Si riparte a fatica alla volta dell'incrocio del sentiero 101 che ci deve portare verso la Valmoresca, una volta intercettato il 101 ci permettiamo anche una bella exploration che ci porta alla diga senza troppi sbattimenti che verrebbero richiesti passando per i Piani delle Acque Nere.
Discesa in Valmoresca su sentiero in condizioni eccezionali e con nuovo ponte sull'attraversamento del torrente, da qui Caprile Alto, Santa Brigida, Olmo al Brembo nell'ordine. La risalita a Piazzatorre è un bellosforzo di cui non si sentiva la mancanza.


Il secondo pernottamento avviene a Piazzatorre presso l’Hotel Milano un po’ per motivi logistici un po’ perché manca una vera alternativa di sentiero che permetta all’itinerario di restare in quota sulle montagne, ricordiamoci che parliamo di mtb e non di trekker , per cui la scelta si impone.
Dire che al Milano ci sentiamo un po’ a casa è una cosa scontata, Barbara e slayer ci mettono del loro con cucina e servizio impeccabile.
Giantonio al mattino si rende disponibile per un graditissimo servizio navetta sino alla Rossanella.


201.jpg
Partenza dal rifugio Grassi verso Valtorta


202.jpg
A malincuore abbandoniamo il Rifugio Grassi


203.jpg
Il Pizzo Tre Signori


1001.jpg
Pausa al Ristorobie ampliato di una nuova sala, la cucina di Paola e la cortesia di Miriam sono il miglior intermezzo in una giornata impegnativa.


1002.jpg
Mooolto faticosamente si cerca di raggiungere l'incrocio con il sentiero 101


1003.jpg
Discesa in Valmoresca un solo aggettivo : meravigliosa.


1004.jpg
Il ponte rinnovato sula Valmoresca permette un attraversamento più sicuro.




23 luglio

Navetta sino alla Rossanella, da qui poche pedalate e tutta spinta sino al Forcolino di Torcola per via diretta, discesa sempre bella anche se un pò smossa nella parte bassa sino a Valleve. Navetta sino a Foppolo e seggiovie sino al Montebello. Non poteva mancare la sosta in Terrazza Salomon dove Mariuccia cortese come sempre ci scodella una mega porzione di pizzoccheri. Discesa verso Carisole e risalita verso il Mirtillo ad intercettare il sentiero che sale sopra il costone che porta poi alla Val Sambuzza. Bella discesa della Val Sambuzza in compagnia di un discreto rovescio che però non riesce a rovinarci la bellezza della discesa nel bosco sino al Dosso, da dove Ugo ci teletrasporta sino al Longo.



Terzo pernottamento al rifugio Longo quello che personalmente amo di più e quello che mi restituisce intatta quell’aria che vorrei sempre trovare in un rifugio di montagna. Enzo e Rossella sono unici, le camerate del rifugio nel loro ordine e pulizia sono impeccabili, i rumori e lo scarso isolamento trasmettono il senso di aggregazione che un rifugio dovrebbe sempre dare.
La tempesta di neve della domenica mattina vista dalle piccole finestre del rifugio non potrebbe avere un punto di vista migliore.
La cucina, dal risotto alla torta di pesche ed amaretti rendono difficile ogni partenza dal dal rifugio.

2000.jpg
Qualcuno ha visto il sentiero per il Forcolino di Torcola ?


2001.jpg
Discesa dal Forcolino di Torcola con vista su Carona e Pizzo del Diavolo


2002.jpg


2003.jpg
Si risale verso il rifugio Mirtillo sullo sfondo il Valgussera


2004.jpg
Tra Carisole e la val Sambuzza le nebbie si rincorrono.


2005.jpg
Discesa in Val Sambuzza


24 luglio

Domenica 24 il meteo ha avuto un colpo di coda non indifferente portando la quota neve per un paio di ore anche più bassa del rifugio Longo. Pensare di salire ai 2400 m. circa del passo della selletta era poco ragionevole in considerazione che comunque un pò di accumulo si era formato.
Da qui la decisione di rientrare a valle e interrompere questo quarto giorno che per altro avevamo in parte già percorso anche ad inizio giugno.

08.jpg
Mi piace chiudere con questa bellissima immagine del rifugio Longo con alle spalle le montagne imbiancate






: chinchin :
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

Re: live report from BrembOrobieTrailBike 11

Messaggioda cllocate » 25 luglio 2011, 18:27

BrembOrobieTrailBike 3000x.jpg
Cartina BrembOrobieTrailBike


Cliccare la cartina per ingrandire
La cartina è disponibile anche in originale a 6000x6000 pixel
chi la desidera mi contatti in mp.
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

Re: live report from BrembOrobieTrailBike 11

Messaggioda cllocate » 25 luglio 2011, 20:18

Un attimo di ....... attenzione prego!!!

Un grazie infinito a tutti coloro che hanno partecipato in parte o in toto a questo sogno nel cassetto uscito dopo anni di attesa a luglio del 2011 per tornarci di nuovo sino che qualcuno vorrà rispolverarlo, noi abbiamo realizzato che l'all mountain orobico è possibile.
Certo non è facile e richiede un ottima preparazione fisica ma in sostanza sono stati concatenati tanti pezzi già percorsi separatamente in tante uscite di una giornata.
Abbiamo dato dignità a questa linea tracciata con un pennarello sulla cartina di Stefano Torriani e abbiamo diomostrato che non sempre l'erba del vicino è più verde. L'erba verde ce l'abbiamo anche noi serve solo un pò di coraggio per investire tempo e qualche euro direttamente nelle nostre amate Valli.

Con grandissimo rammarico faccio un appunto a margine che riguarda il movimento della mountain bike, nessuna amministrazione e nessun privato in Valle ha avuto il coraggio di tirare le fila e creare una base ciclocentrica su cui fondare la tanto vituperata destagionalizzazione, ancora oggi sulle poche troppo poche seggiovie aperte in Valle non si trasportano bike.
Ovunque sono fioriti bike park e percorsi freeride affiancati agli impianti di risalita da noi in Val Brembana il nulla assoluto , forse sarebbe anche l'occassione di abbassare l'età media del turismo vallare , magari non di molto , visto che da quello che ho constato con i miei occhi si dovrebbe aggirare sui settanta anni.
Se si è deciso di puntare su questa fascia di età non servono ne seggiovie ne bike park.

Questo detto passo a ringraziare gli amici che mi hanno seguito in questa avventura anche se meriterebbero molto di più di queste righe per quello che mi hanno dato in questi giorni di convivenza.


Il Professore
400 bepi.jpg
bepi


Lo Sherpa
401 dome.jpg
Dome60


Flying man
402 dariuz.jpg
dariuz


Mr. Endurance
403 ivo.jpg
Ivo



Duracell
404.jpg
Jag


Mr. All Mountain
IMG_5187.JPG
Cllocate





Un pensiero anche a MTBiker e Liuk giunti sull'itinerario mentre il meteo era molto avverso
e riportati quindi a più miti consigli da pioggia e neve in quota . : chinchin :
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

Re: live report from BrembOrobieTrailBike 11

Messaggioda ronzino » 25 luglio 2011, 20:52

: chinchin : : chinchin : complimenti per il girone,fantastico!!!!purtroppo anche io ronzino e flinstoon per causa neve acqua e freddo siamo duvuti rientrare dal giro programmato(3 giorni in alta rezia) : Sad : : Sad : : Thumbup : : Thumbup : bravi,bravi e saluti al bepi conosciuto domenica à branzi : ciaociao : : ciaociao :
ronzino
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 19 novembre 2010, 23:33

Re: live report from BrembOrobieTrailBike 11

Messaggioda cllocate » 25 luglio 2011, 21:07

ronzino ha scritto:: chinchin : : chinchin : complimenti per il girone,fantastico!!!!purtroppo anche io ronzino e flinstoon per causa neve acqua e freddo siamo duvuti rientrare dal giro programmato(3 giorni in alta rezia) : Sad : : Sad : : Thumbup : : Thumbup : bravi,bravi e saluti al bepi conosciuto domenica à branzi : ciaociao : : ciaociao :


Mi aveva detto bepi che vi siete beccati in quel di Branzi : chinchin : : chinchin :
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

Re: live report from BrembOrobieTrailBike 11

Messaggioda jag » 25 luglio 2011, 22:48

Grazie a te Claudio ed agli altri compagni di avventura.
Il giro alla fine è stato chiuso comunque e come nelle migliori staffette, il "testimone" (leggi: la sella della nomad !!) ha raggiunto il traguardo.
E' stata una bellissima avventura, ma la prossima è già tracciata sulla "compass".
jag
 
Messaggi: 68
Iscritto il: 17 gennaio 2010, 1:07

Re: live report from BrembOrobieTrailBike 11

Messaggioda cllocate » 25 luglio 2011, 22:59

jag ha scritto:Grazie a te Claudio ed agli altri compagni di avventura.
Il giro alla fine è stato chiuso comunque e come nelle migliori staffette, il "testimone" (leggi: la sella della nomad !!) ha raggiunto il traguardo.
E' stata una bellissima avventura, ma la prossima è già tracciata sulla "compass".


Infatti oggi la Nomad è giunta dal Giuliano che con un certo stupore si chiedeva che fine avesse fatto la sella : Chessygrin : : chinchin :
http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

live report from BrembOrobieTrailBike 11

Messaggioda bepi » 25 luglio 2011, 23:18

Epic mode on!
Non si parla di MTB qui. Amicizia, passione, fatica, soddisfazione, cose semplici, natura, cieli, chiacchiere, incertezza, tutto questo!

All mountain, e Claudio in Val Brembana non è secondo a nessuno!!!

;) notte.
Bepi
Vice President "de notér milanés"
Avatar utente
bepi
 
Messaggi: 5119
Iscritto il: 18 novembre 2009, 11:01

Re: live report from BrembOrobieTrailBike 11

Messaggioda bipbip » 25 luglio 2011, 23:34

Complimenti vivissimi a tutti coloro che hanno partecipato.
Avete tutta la mia ammirazione per il bellissimo quanto (immagino) faticoso tour.
Per quanto poco io possa conoscere i partecipanti alla "scampagnata"...la storia non finisce certo qui.
Trattasi solo dell'episode one! : Eeek : : Chessygrin : : Chessygrin :
Avatar utente
bipbip
 
Messaggi: 365
Iscritto il: 25 novembre 2009, 16:02
Località: tra Adda e Brembo

Re: live report from BrembOrobieTrailBike 11

Messaggioda cllocate » 26 luglio 2011, 10:46

Filmatino del meteo domenica mattina al Longo,
tempo da cani .... anche se i cani non sembrano particolarmente preoccupati


http://www.guideMTB-ValBrembana.it
A te ...
La cura...
Vedere in faccia la felicità non è come immaginarla. B.
Avatar utente
cllocate
 
Messaggi: 7444
Iscritto il: 19 novembre 2009, 0:02
Località: Grumo

PrecedenteProssimo

Torna a MTB Experiences

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti

cron